narcisismo

Il narcisismo può manifestarsi in modo sano o patologico. Esiste un narcisismo primario, presente nelle prime fasi di sviluppo del bambino. Il bambino piccolo non è ancora in grado di relazionarsi ad altri da sè oltre alla madre. Se stesso diventa il centro del proprio  mondo e dei propri bisogni. Crescendo il bambino impara a dirigere verso gli altri le proprie energie, a interessarsi a loro come entità distinte da sè, a entrare in una relazione empatica con l’altro. Se questo non accade e il bambino rimane fissato alla fase di sviluppo precedente, avremo un adulto incapace di relazionarsi in modo sano con gli altri.

Il termine narcisismo è stato inserito in una prospettiva più ampia come disturbo di personalità. Un disturbo pervasivo che colpisce e compromette l’intero funzionamento della persona.

Le caratteristiche di questo disturbo sono:

  • Un’esagerata, infondata sensazione della propria importanza e dei propri talenti (la grandiosità)

  • Preoccupazione con fantasie di successi senza limiti, influenza, potere, intelligenza, bellezza, o amore perfetto

  • Convinzione di essere speciali e unici e di doversi associare solo a persone di altissimo livello

  • Un bisogno di essere incondizionatamente ammirati

  • Una sensazione di privilegio

  • Sfruttamento degli altri per raggiungere i propri obiettivi

  • Mancanza di empatia

  • Invidia degli altri e convinzione che gli altri li invidino

  • Arroganza e superbia

Inoltre, i sintomi devono avere inizio nella prima età adulta


Uomini che amano troppo…o male

Il fenomeno della dipendenza affettiva è classicamente declinato al femminile, ma esistono anche gli uomini che amano troppo! La letteratura su questa problematica è incentrata, infatti, soprattutto sulle donne e sulle modalità disfunzionali di entrare in relazioni altamente dolorose. Tuttavia, gli uomini non sono esenti da questo tipo di dinamiche. Sempre di più, infatti, […]