Fobia specifica

Il DSM-5 definisce la fobia come “paura o ansia marcata verso un oggetto o verso situazioni specifiche”. La paura che il soggetto prova è sproporzionata e irrazionale e questo differenzia la fobia dalle paure più comuni.

La paura non si manifesta solo quando la persona si trova a contatto con lo stimolo, ma anche quando pensa di potersi trovare, in una sorta di ansia anticipatoria. Il terrore che questo le provoca, la spinge a mettere in atto comportamenti di evitamento. Tali strategie hanno lo scopo di evitare appunto di trovarsi a contatto con ciò che è causa della fobia.

Se il soggetto avverte l’impossibilità di allontanarsi dall’oggetto o dalla situazione che causano la fobia, è possibile che l’ansia aumenti al punto tale da provocare un attacco di panico.

I sintomi della fobia sono piuttosto definiti e comuni a tutti i soggetti che vivono questi problema. I sintomi più frequenti sono: mancanza di respiro, vertigini, tremori, sudorazione, tachicardia, dolore al torace, nausea.

Per alcune fobie, come quella del sangue, delle ferite, degli aghi, si attiva una risposta contraria. Si abbassa la pressione sanguigna e il soggetto può avere degli svenimenti. Le fobie più diffuse riguardano: gli animali (ragni, insetti, serpenti…) gli ambienti naturali (le altezze, l’acqua, i temporali, i fulmini…), il sangue o le ferite, alcuni tipi di situazioni (spazi chiusi, volare, i ponti, le gallerie…) o fobie di altro tipo (bambole, pagliacci…)

Chi soffre di fobia specifica è consapevole che la propria paura è sproporzionata, anche se non riesce a controllarla. Questo purtroppo non è sufficiente a consentire di svolgere una vita equilibrata e può limitare abilità lavorative o sociali. Tale consapevolezza è però molto utile per il lavoro in psicoterapia.


Ansia e paura. Possiamo affrontare la nostra ansia e le nostre paure?

Ansia e paura. Possiamo affrontare la nostra ansia e le nostre paure? Vediamo, intanto, come nascono l’ansia e la paura.   L’ansia è un sentimento che ci aiuta a proteggerci in determinate circostanze, ma che, se supera una certa soglia può diventare estremamente disfunzionale. E’ stimato che almeno 10 milioni di persone hanno avuto, […]

Ansia e paura. Possiamo affrontare la nostra ansia e le nostre paure? Vediamo, intanto, come nascono l’ansia e la paura. D.ssa Mele Psicologa Anzola, Valsamoggia, Bologna

psicologo Bologna PsicoBologna D.ssa Vanessa Mele - disturbi dell'umore, felicità e tristezza

Disturbi d’ Ansia

L’ansia è un’emozione caratterizzata da varie sensazioni solitamente spiacevoli, come preoccupazione, paura, agitazione e, nel caso si prolunghi nel tempo, porta a vivere uno stato di disperazione e impotenza. L’ansia è composta da diverse componenti: Cognitiva: la valutazione che facciamo di un evento Somatica: il corpo prepara l’organismo ad affrontare la minaccia e quindi […]


Fobia specifica

La fobia specifica è una paura marcata e persistente di oggetti o situazioni chiaramente discernibili, circoscritte che non rappresentano una reale minaccia e con cui le altre persone entrano in contatto senza particolari problematiche psicologiche. Quando il soggetto che soffre di  fobia specifica si trova a confrontarsi con quello che rappresenta per lui lo […]

psicologo Bologna PsicoBologna D.ssa Vanessa Mele - fobia specifica

psicologo Bologna PsicoBologna D.ssa Vanessa Mele - training autogeno - l'equilibrio tra il cuore e la mente

Il Training Autogeno – La palestra della mente

Il Training Autogeno è una tecnica di rilassamento sviluppata negli anni Trenta dal medico internista tedesco  Johannes Heinrich Schultz. Questa tecnica consiste nell’allenarsi (training) a sperimentare uno stato di abbandono (in cui si resta comunque sempre coscienti) in cui si impara a focalizzare, senza alcuno sforzo, l’attenzione su di sé,  permettendo in questo modo […]